Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

AGID_logo_carta_intestata-02.png

SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE

Allegato A alle «Linee guida per l’effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi»

Versione 1.3.1 - gennaio 2018

Ciclo di vita del pagamento

Nell’ambito delle relazioni tra utilizzatore finale ed enti creditori, la necessità di effettuare pagamenti a favore di questi ultimi è sempre associata a procedimenti amministrativi che prevedono il rispetto di regole per il loro corretto svolgimento quali, ad esempio, la verifica di alcuni prerequisiti. Tali procedimenti danno infine luogo ad un pagamento che si articola sulla falsariga rappresentata in Figura 1, che definiamo “Ciclo di vita” del pagamento.

In questa descrizione del “Ciclo di vita” del pagamento l’ordine delle fasi è indicativo e può variare a seconda dello scenario e della tipologia di servizio al quale si riferisce il pagamento stesso.

image8

Figura 1 - Ciclo di vita del pagamento

L’esigenza del pagamento può nascere sulla base di un bisogno dell’utilizzatore finale che necessita, ad esempio, di un servizio da parte dell’ente ovvero quando quest’ultimo deve richiedere all’utilizzatore finale l’estinzione di un debito creatosi nei suoi confronti: ad esempio il pagamento di una multa o di un’ammenda.

Questa esigenza si concretizza attraverso la generazione di un insieme di informazioni che l’Ente Creditore deve memorizzare in appositi archivi per la successiva fase di riconciliazione e che permettono l’effettuazione del pagamento stesso.

Una volta completata la fase di esecuzione del pagamento - attraverso le procedure messe a disposizione dagli enti creditori o dai prestatori di servizi di pagamento – si procede al regolamento contabile dell’operazione tra i prestatori di servizi di pagamento, con modalità diverse a seconda dello strumento di pagamento attraverso il quale viene effettuato il versamento stesso, che determina anche le modalità di riversamento presso il PSP dell’Ente Creditore.

Il ciclo di vita del pagamento si conclude con la riconciliazione dello stesso presso l’Ente Creditore e con l’eventuale generazione della quietanza da consegnare all’utilizzatore finale.

Tutto ciò premesso, il presente documento di Specifiche attuative ha lo scopo di precisare in modo puntuale le attività che le pubbliche amministrazioni, i gestori di pubblici servizi ed i prestatori di servizi di pagamento devono mettere in atto per consentire l’effettuazione dei pagamenti elettronici da parte degli utilizzatori finali.

In particolare, nella Sezione I sono definite: le attività legate alla fase di generazione del pagamento, unitamente alle specifiche dei codici da utilizzare per il versamento, ed il loro utilizzo nelle transazioni interbancarie. Nella Sezione II sono descritte: le modalità e le informazioni da utilizzare per la fase di regolamento contabile e riversamento dei fondi, nonché le modalità con le quali effettuare la riconciliazione dei pagamenti presso gli enti creditori.