Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

12. Back-office

12.1. Revoca e storno

Il NodoSPC mette a disposizione servizi di interscambio che i soggetti aderenti possono utilizzare per realizzare indifferentemente processi di storno e/o revoca di pagamento, purché siano intesi come funzionalità di supporto del sistema pagoPA a cui ricorrere unicamente per sanare situazioni di eccezione. Ogni soggetto aderente rileva la disponibilità della controparte ad avviare tali processi mediante dati di configurazione.

Come specificato nella figura successiva, tali funzionalità sono istanziate per scopi di business ben definiti; ad esempio per il rientro da situazioni anomale o di incoerenza nei documenti prodotti durante il ciclo di vita del pagamento, rispetto allo stato di fatto del pagamento stesso. Al variare del soggetto istanziante e delle motivazioni che innescano l’esecuzione del processo, possono verificarsi le situazioni mostrate nella figura seguente.

image0

Figura 1: Attori coinvolti nell’innesco dei processi di revoca e storno di una RT

Processo Innesco
RevocaRT Avviato dal PSP
Storno Avviato dall’EC

Tabella 1: Soggetti che istanziano i processi di Revoca e Storno di un pagamento

Il processo di revoca può essere a sua volta diversificato sulla base delle motivazioni che ne determinano l’innesco, come da tabella successiva:

Processo Tipologia Descrizione
RevocaRT Annullo Tecnico

Innescato dal PSP quando, in casi assolutamente eccezionali, lo stato effettivo del pagamento non è coerente con i documenti in possesso dell’Utilizzatore finale:

  • il PSP ha emesso una RT negativa e l’importo dovuto risulta addebitato al soggetto versante il quale è in possesso di una attestazione di pagamento
  • Il PSP ha emesso una RT positiva ma il soggetto versante non è stato addebitato della somma dovuta né è in possesso di una attestazione di pagamento

Si fa presente che è fatto obbligo per il PSP di implementare le funzionalità di annullo tecnico e per EC di predisporre le opportune soluzioni tecniche per la gestione di tali richieste.

  charge-back Utente Innescato dal PSP nel caso in cui l’Utilizzatore finale chieda il riaccredito delle somme versate per un pagamento conclusosi con esito positivo
Storno Storno

L’Utilizzatore finale richiede all’EC lo storno delle somme precedentemente pagate al PSP.

Si fa presente che non è fatto obbligo al PSP implementare tale funzionalità

Tabella 2: Descrizione sintetica delle motivazioni per l’innesco dei processi di revoca e storno

Si fa presente che per i pagamenti attivati presso l’Ente Creditore mediante carta non è possibile procedere alla revoca della RT per Annullo Tecnico

12.1.1. Processo di Revoca per Annullo Tecnico

Il processo di revoca di una ricevuta telematica per Annullo Tecnico consente il rientro per il PSP da situazioni anomale o di incoerenza nello stato di fatto del pagamento rispetto a quanto rappresentato dalla RT generata dal PSP attestante il pagamento. Si ricorre a questa funzione nel caso in cui Il PSP non disponga di alternative.

Non è possibile attivare una procedura di revoca per annullo tecnico per pagamenti per pagamenti con carta attivati presso l’Ente Creditore. L’EC è obbligato a accettare la revoca per annullo tecnico a meno che il pagamento si riferisca a un servizio che sia già stato erogato.

Il caso d’uso nominale è rappresentato nella tabella successiva.

Pre-Condizione
  1. è stata recapitata all’EC una RT positiva, ma l’Utilizzatore finale non è stato addebitato né il PSP ha emesso alcuna attestazione diesito pagamento (scontrino, ricevuta, e-mail, ecc). NB. Tale condizione non si può verificare per pagamenti con carta attivati presso l’Ente Creditore
  2. è stata recapitata all’EC una RT negativa, ma l’Utilizzatore finale è stato addebitato e il PSP ha emesso alcuna attestazione di pagamento (scontrino, ricevuta, e-mail, ecc)
  3. la richiesta di Annullo Tecnico è avanzata entro le ore 01:00 del giorno solare successivo a quello di creazione della RT (dataOraMessaggioRicevuta)
  4. il pagamento di cui la RT da revocare non è contestuale all’erogazione di un servizio
Trigger Il PSP ha evidenza di una squadratura puntuale fra incasso e relativa RT .
Descrizione
  • il PSP sottomette al NodoSPC la richiesta di revoca di una RT;
  • il NodoSPC valida la richiesta e la accetta;
  • l’EC riceve mediante il NodoSPC la richiesta di revoca;
  • l’EC valida la richiesta di revoca producendo il relativo esito;
  • l’EC invia al PSP, mediante il NodoSPC, l’esito della richiesta di revoca
  • Il PSP produce e invia la RT che sovrascrive quella revocata
Post-Condizione
  • Il pagamento transisce allo stato Pagamento_revocato

Tabella 3: Caso d’uso del processo di revoca per annullo tecnico

L’evoluzione temporale del processo di revoca è il seguente:

image1

Figura 2: Diagramma di sequenza del processo di revoca di una RT per Annullo Tecnico

  1. il PSP compone il documento XML per la richiesta di revoca e lo sottomette all’EC attraverso il NodoSPC mediante la primitiva nodoInviaRichiestaRevoca;
    1. In questo caso il valore del campo tipoRevoca all’interno della struttura datiRevoca sarà pari ad 1;
  2. il NodoSPC valida la richiesta inviata dal PSP;
  3. il NodoSPC inoltra la richiesta di revoca all’EC mediante la primitiva paaInviaRichiestaRevoca;
  4. l’EC replica al PSP fornendo esito positivo mediante response alla primitiva precedente;
  5. il NodoSPC inoltra la replica dell’EC al PSP fornendo response positiva alla primitiva di cui al punto 1.
  6. l’EC esegue il rollback del sistema relativamente alla posizione debitoria interessata e predispone il documento informativo XML ER attestante l’esito della revoca;
  7. l’EC invia il documento ER al PSP mediante il Nodo attraverso la primitiva nodoInviaRispostaRevoca;
  8. il NodoSPC valida il documento ER ricevuto;
  9. il NodoSPC inoltra il documento ER al PSP mediante la primitiva pspInviaRispostaRevoca;
  10. il PSP conferma la ricezione del messaggio di esito della revoca fornendo response OK alla primitiva precedente;
  11. il NodoSPC conferma all’EC la ricezione dell’esito della revoca da parte del PSP fornendo response OK alla primitiva di cui al punto 7.

Il workflow si conclude con l’invio da parte del PSP della RT che andrà a sovrascrivere quella revocata. In questo caso il parametro Forzacontrollosegno nella SOAP request nodoInviaRT deve essere impostato a 1.

12.1.2. Processo di Revoca di una Ricevuta Telematica per charge-back

Il processo di revoca per charge-back di una RT è innescato dal PSP solo verso l’EC che aderisce al servizio e sarà realizzabile solo per i pagamenti effettivamente revocabili (sono esclusi tutti i pagamenti a fronte di servizi già erogati al momento della richiesta di charge-back) purché la posizione debitoria dell’utilizzatore finale risulti pagata. Il caso d’uso nominale è così descritto:

Pre-Condizione
  • Pagamento effettuato con esito positivo – Stato Pagamento: RT_EC
  • Adesione dell’EC al servizio di revoca per charge-back
  • Il pagamento è rimborsabile dall’EC
Trigger L’Utilizzatore finale avanza la richiesta di revoca al PSP con cui ha effettuato il pagamento
Descrizione
  • Il PSP sottomette al NodoSPC la richiesta di revoca della RT
  • Il NodoSPC valida la richiesta e la accetta
  • L’EC riceve mediante il NodoSPC la richiesta di revoca
  • L’EC valida la richiesta di revoca, esegue il rollback del sistema e produce il relativo esito
  • L’EC invia al PSP mediante il NodoSPC l’esito della richiesta di revoca
  • Il workflow si conclude senza l’invio di una nuova RT
Post-Condizione
  • Il pagamento transisce allo stato Pagamento Revocato

Tabella 4: Scenario d’uso del processo di revoca di una RT per charge-back

Al pari dei casi d’uso riportati nei capitoli precedenti, l’evoluzione temporale e le primitive coinvolte nel processo di revoca sono riportate nella figura successiva, avendo cura di notare che il caso d’uso rappresenta lo scenario in cui le cui invocazioni SOAP si concludono con esito positivo (esito: OK come parametro di output).

image2

Figura 3: Diagramma di sequenza del processo di revoca per charge-back

  1. l’Utilizzatore finale richiede al PSP attestante il pagamento la revoca della RT per charge-back;
  2. il PSP compone il documento informativo XML Richiesta di Revoca (RR) e la invia al NodoSPC mediante la primitiva SOAP nodoInviaRichiestaRevoca;
  3. il NodoSPC valida la richiesta di revoca;
  4. il NodoSPC invia la richiesta di revoca all’EC mediante la primitiva paaInviaRichiestaRevoca;
  5. l’Ente Creditore, accettata la RR, replica al PSP attraverso il NodoSPC fornendo response OK;
  6. il NodoSPC inoltra al PSP la replica positiva dell’EC fornendo response OK alla primitiva di cui al punto 2.
  7. l’EC, dopo aver verificato positivamente la possibilità di revoca della RT, riporta la Posizione Debitoria allo stato precedente al pagamento e procede alla generazione del documento informativo XML Esito Revoca (ER);
  8. l’EC invia il documento ER al PSP mediante il Nodo attraverso la primitiva nodoInviaRispostaRevoca;
  9. il NodoSPC valida il documento ER ricevuto;
  10. il NodoSPC inoltra il documento ER al PSP mediante la primitiva pspInviaRispostaRevoca;
  11. il PSP conferma la ricezione del messaggio di esito della revoca fornendo response OK alla primitiva precedente;
  12. il NodoSPC conferma all’EC la ricezione dell’esito della revoca da parte del PSP fornendo response OK alla primitiva di cui al punto 8;
  13. il PSP notifica l’Utilizzatore finale circa l’esito positivo della procedura di revoca della ricevuta telematica.

12.1.3. Processo di Storno di un pagamento

Il processo di storno di un pagamento, attivato dall’EC, è innescato quando l’Utilizzatore finale richieda a vario titolo la cancellazione di un pagamento precedentemente avvenuto. Il caso d’uso nominale e l’evoluzione temporale sono mostrate nella figura successiva.

Pre-Condizione
  • Il PSP utilizzato per il pagamento supporti le funzionalità di storno
  • Il pagamento si trova nello stato RT EC
Trigger L’utilizzatore richiede lo storno di un pagamento precedentemente avvenuto
Descrizione
  • L’Ente Creditore sottomette al PSP mediante il nodo una richiesta di storno generando il documento RR-Richiesta Revoca
  • Il PSP replica positivamente e genera il documento ER inviato all’Ente Creditore mediante il NodoSPC.
Post-Condizione
  • Il pagamento si trova nello stato RT Stornata

Tabella 5: Caso d’uso del processo di storno di un pagamento

image3

Figura 4: Evoluzione temporale del processo di storno di un pagamento

  1. l’Utilizzatore finale richiede lo storno di un pagamento effettuato all’EC;
  2. l’EC genera il documento XML RR;
  3. mediante la primitiva nodoInviaRichiestaStorno l’EC invia al NodoSPC il documento RR;
  4. il NodoSPC valida il documento RR ricevuto;
  5. il NodoSPC inoltra al PSP la RR generata dall’EC mediante la primitiva pspInviaRichiestaStorno;
  6. il PSP replica positivamente alla primitiva precedente fornendo Esito OK;
  7. il NodoSPC inoltra la replica precedente all’EC fornendo response OK alla primitiva di cui al punto 3;
  8. il PSP predispone il documento Esito Revoca – RR;
  9. il PSP inoltra all’EC mediante il NodoSPC l’esito della revoca attraverso la primitiva nodoInviaEsitoStorno;
  10. il NodoSPC valida il documento ER;
  11. il NodoSPC inoltra all’Ente Creditore il documento ER mediante la primitiva paaInviaEsitoStorno;
  12. l’EC replica positivamente al PSP mediante il NodoSPC fornendo response OK alla primitiva di cui al punto 11;
  13. il NodoSPC inoltra la replica precedente al PSP fornendo response OK mediante la primitiva nodoInviaEsitoStorno;
  14. l’EC informa l’Utilizzatore finale in merito all’esito delle operazioni di storno.

12.2. Riconciliazione

All’interno di questo paragrafo vengono descritti i casi d’uso che descrivono il processo contabile operato dall’Ente Creditore al fine di riconciliare i pagamenti effettuati dall’Utilizzatore finale.

12.2.1. Attori del processo di Riconciliazione Contabile e casi d’uso

Gli attori coinvolti nel processo di riconciliazione sono i seguenti:

  • Ente Creditore: rappresenta una Pubblica Amministrazione che ha ricevuto i pagamenti effettuati dall’Utilizzatore finale e necessita di riconciliare i pagamenti a suo favore
  • PSP: rappresenta un Prestatore di Servizi di Pagamento che ha accreditato il conto di un EC con le somme incassate nella giornata operativa
  • Banca Tesoriera/ Cassiera: rappresenta il Prestatore di Servizi di Pagamento che gestisce il conto di incasso di un EC. E’ il destinatario del flusso di riversamento SCT e notifica all’EC l’avvenuto incasso su sistemi esterni a pagoPA.

12.2.2. Worflow di Riconciliazione

Il processo di riconciliazione comporta il seguente workflow dove saranno utilizzati i seguenti termini:

  • Giorno D: giorno lavorativo in cui è stato eseguito il pagamento
  • Giorno D+1: giorno lavorativo successivo al giorno D
  • Giorno D+2: giorno lavorativo successivo al giorno D+1
  • Cut-off: orario di termine della giornata operativa. (NB la giornata operativa pagoPA termina alle ore 13)
Pre-Condizione
  • L’EC ha ricevuto dei pagamenti su un conto destinato all’incasso tramite pagoPA
  • Entro D+1 il PSP accredita (con uno o più SCT) il conto dell’EC per l’importo delle somme relative a RPT con valore del tag dataOraMessaggioRichiesta antecedente al cut-off della giornata operativa pagoPA del giorno D.
  • Per ogni SCT cumulativo di più pagamenti, il PSP genera un flusso di rendicontazione, contenente la distinta dei pagamenti cumulati.
  • Entro D+2 il PSP sottomette al NodoSPC il flusso di rendicontazione di cui al punto precedente.
  • Il Nodo valida la richiesta e archivia il flusso rendendolo disponibile per l’EC.
Trigger L’EC riconcilia gli accrediti SCT ricevuti sul conto indicato nelle RPT
Descrizione
  • L’EC richiede la lista dei flussi disponibili sul Nodo relativa ai pagamenti da riconciliare.
  • L’EC richiede il flusso di interesse, lo riceve e procede alla riconciliazione dei pagamenti.
Post-Condizione Il pagamento transisce allo stato Pagamento Rendicontato

Tabella 7: Worflow di Riconciliazione

L’evoluzione temporale è la seguente:

image4

Figura 5: Diagramma di sequenza del processo di riconciliazione contabile

  1. il PSP genera il flusso di rendicontazione componendo il file XML di rendicontazione codificato in base64;
  2. il PSP accredita con SCT il conto di un EC. L’importo dello SCT può essere pari all’importo di un singolo pagamento ovvero pari all’importo cumulativo di più pagamenti, purché tali pagamenti siano stati incassati a favore del medesimo EC nella medesima giornata operativa pagoPA.

Nel caso di riversamento cumulativo, l’SCT dovrà riportare all’interno dell’attributo AT-05 (Unstructured Remittance Information) il valore:

/PUR/LGPE-RIVERSAMENTO/URI/<identificativoFlusso>,

dove identificativoFlusso specifica il dato relativo all’informazione di rendicontazione inviata al NodoSPC.

Nel caso di riversamento singolo, l’SCT dovrà riportare all’interno dell’attributo AT-05 (Unstructured Remittance Information) il valore della causale di versamento indicato nella RPT.

  1. il PSP, mediante la primitiva nodoInviaFlussoRendicontazione, invia al NodoSPC il flusso di rendicontazione generato, valorizzando i parametri di input identificativoFlusso con l’identificativo del flusso di rendicontazione da trasmettere e il parametro xmlRendicontazione con il file XML di rendicontazione codificato in base64.
Eseguito uno dei due scenari alternativi, il flusso procede come segue:
  1. il NodoSPC verifica il file XML di rendicontazione;
  2. il NodoSPC elabora il file XML di rendicontazione;
  3. il NodoSPC esegue l’archiviazione del flusso di rendicontazione sulle proprie basi di dati;
  4. il NodoSPC replica fornendo esito OK alla primitiva nodoInviaFlussoRendicontazione;
Il workflow prosegue descrivendo le operazioni lato EC. Il consumo delle interfacce esposte dal NodoSPC avviene in modalità pull.
  1. l’EC, mediante la primitiva nodoChiediElencoFlussiRendicontazione, richiede al NodoSPC la lista dei flussi di rendicontazione disponibili;
  2. il NodoSPC elabora la richiesta;
  3. il NodoSPC, a seguito della validazione della richiesta, replica con response OK fornendo in output la lista completa di tutti i flussi disponibili per l’EC;
  4. l’EC richiede al NodoSPC uno specifico flusso di rendicontazione presente nella lista, mediante la primitiva nodoChiediFlussoRendicontazione valorizzando nella request il parametro di input identificativoFlusso con l’identificativo del flusso di rendicontazione richiesto;
  5. il NodoSPC elabora la richiesta.

Il workflow prosegue con i seguenti scenari alternativi:

Flusso mediante response SOAP

  1. il Nodo invia all’Ente Creditore il flusso richiesto mediante response positiva alla primitiva di cui al punto 11.
  2. l’EC elabora il flusso di rendicontazione veicolandolo verso i propri sistemi di riconciliazione;
  3. l’EC riceve dalla propria Banca di Tesoreria in modalità digitale un flusso contenente i movimenti registrati sul proprio conto; in caso di utilizzo da parte dell’EC di SIOPE+, tale flusso è rappresentato dal Giornale di Cassa nel formato OPI;
  4. L’EC, sulla base dell’identificativo flusso ricevuto nel file XML di rendicontazione e delle RT archiviate, effettua la riconciliazione contabile.

12.2.3. Motore di Riconciliazione

L’obiettivo del presente paragrafo è quello di tratteggiare in termini essenziali il modello concettuale di un algoritmo (il Motore di riconciliazione) che consenta al singolo EC di riconciliare i flussi informativi degli incassi messi a disposizioni da pagoPA con quelli finanziari. Nel flusso sono altresì riportate, sempre in ottica del singolo EC, le attività che ci si attende siano compiute dalla singola controparte PSP.

Nell’ipotesi semplificativa in cui la data richiesta per il pagamento coincida con la data di invio della richiesta di pagamento, il processo di riconciliazione opera riproducendo ricorsivamente un ciclo di quattro passi da compiersi nella successione riportata di seguito per ogni PSP aderente al NodoSPC:

Passo Descrizione Attività EC Attività PSP
Quadratura degli incassi A chiusura del giorno lavorativo (D), il motore individua le RPT inviate prima del cut-off. Per ognuna di tali RPT il motore seleziona le corrispondenti RT, ne controlla la quadratura e distingue, accantonandole, quelle relative a un incasso (RT+). Ai fini dei successivi passi del processo di rendicontazione sarà altresì necessario individuare gli IUV per i quali, a causa di una eccezione, l’incasso, benché sia stato effettuato non corrisponde a una RT. Tali incassi saranno rendicontati mediante codiceEsitoSingoloPagamento 9 nel caso di riversamento cumulativo.

A chiusura della giornata operativa il PSP, controlla la quadratura degli incassi eseguiti per l’EC determinando:

  • Gli IUV per cui ha emesso RT+
  • Gli IUV da rendicontare con codice 9

Determina inoltre gli importi dello SCT Cumulativo e degli SCT singoli da eseguire.

Ricezione SCT nel giorno D+1, la Banca Cassiera/Tesoriera dell’EC riceve dal PSP, tramite SCT, i flussi finanziari relativi agli incassi del giorno D. In generale, per ogni PSP, l’EC può ricevere un SCT cumulativo e un numero indeterminato di SCT singoli relativi a una sola RT+ Esegue SCT di cui al punto 1
Quadratura FDR nel giorno D+2 il motore, interrogando il NodoSPC, può effettuare il downloading del Flusso di Rendicontazione (FDR) relativo al giorno D. Il motore può quindi controllare la quadratura dello FDR, abbinando ad esso, in base allo IUV, le RT+ relative al giorno D, gli ulteriori incassi non corrispondenti a una RT e gli ER (Esito Revoca) eventualmente contenuti nel FDR. In questo ultimo caso il motore esclude gli ER rendicontati dal novero degli ER da controllare. Inoltre il motore, nel processo di quadratura, distingue gli importi a compensazione (in eccesso o difetto) eventualmente contenuti nel FDR. Per ogni PSP, il motore distingue e accantona le RT+ non abbinate a un FDR (RTS)

Il PSP genera il FDR, associandolo allo SCT di cui al punto 2 con il dato identificativoFlusso, indicando:

  • Gli IUV per i quali ha emesso RT+ codiceEsitoSingoloPagamento pari a 0
  • Gli IUV rendicontati con codiceEsitoSingoloPagamento pari a 9
  • IUV associati a un Estio Revoca accettato dall’EC (ER+)

Infine mette a disposizione dell’EC il FDR relativo al giorno D

Quadratura riversamenti SCT

A chiusura del giorno lavorativo D+2 il motore elabora tutte le notifiche di incasso relative al giorno D+1 ricevute dalla Banca Cassiera/Tesoriera (nel caso SIOPE+ la notifica è rappresentata dal «Giornale di Cassa» OPI). Per ogni PSP il motore conclude il processo di riconciliazione eseguendo le seguenti elaborazioni:

  1. Esegue la quadratura di ogni riversamento singolo in abbinamento con la corrispondente RTS controllando che:
  2. L’Identificativo univoco versamento (IUV) che identifica la singola RTs coincida con la componente “identificativo univoco versamento” nel dato “Unstructured Remittanced Information” di cui al tracciato del SEPA Credit Transfer nel caso di versamento effettuato tramite SCT ovvero nel campo causale nel caso di versamento effettuato tramite bollettino di conto corrente postale.
  3. Il valore del tag importoTotalePagato della stessa RTs corrisponda con l’importo effettivamente trasferito.
  4. Esegue la quadratura di ogni riversamento cumulativo, in abbinamento con il corrispondente FDR controllando che:
  5. L’Identificativo del FDR coincida con la componente “identificativo flusso versamento” nel dato “Unstructured Remittance Information” di cui al tracciato del SEPA Credit Transfer nel caso di versamento effettuato tramite SCT
  6. Il valore del tag importoTotalePagamenti nel FDR corrisponda con l’importo effettivamente trasferito.
 

Tabella 8: Motore di Riconciliazione

12.2.4. Gestione degli errori

Il paragrafo mostra le strategie di risoluzione per gli errori che possono verificarsi durante l’esecuzione del processo di quadratura mediante il motore di riconciliazione, rispetto ai passi presi in esame nella descrizione dell’MDR stesso.

12.2.4.1. Passo3: Quadratura FDR

  • FDR non quadra
Nella eventualità in cui l’EC non riuscisse ad operare la quadratura del FDR, ad esempio per valori errati di qualsiasi elemento all’interno del flusso stesso; l’EC, mediante il ricorso al tavolo operativo provvederà a richiedere la ri-emissione del FDR per procedere nuovamente all’esecuzione del Passo3.

12.2.4.2. Passo4: Quadratura riversamenti SCT

  • Riversamento in difetto
Nel presente scenario l’EC riscontra condizioni di squadratura in difetto tra gli SCT riversati dai PSP sulla propria Banca Tesoriera/Cassiera e le somme specificate dalle singole RTs o dal FDR nel caso di riversamento singolo o cumulativo, rispettivamente. In tale circostanza il PSP interessato il quale dovrà procedere alla generazione di un nuovo SCT, riportante causale:
  • SCT ad integrazione di un riversamento Cumulativo in difetto: la Causale del SCT dovrà essere valorizzata come segue: /PUR/LGPE-INTEGRAZIONE/URI/< identificativoFlusso > identificativoFlusso identifica lo FDR per il quale è stato effettuato un riversamento in difetto.
  • SCT ad integrazione di un riversamento Singolo: la causale del SCT dovrà essere valorizzata come segue:
    • /RFS/<IUV>/<importo>[/TXT/Integrazione]
Oppure
  • /RFB/<IUV>[/<importo>][/TXT/Integrazione]
Dove il valore dal tag IUV fa riferimento alla RTs per la quale è stato riversato un SCTin difetto
  • Riversamento in eccesso

Nel presente scenario l’EC riscontra condizioni di squadratura in eccesso tra gli SCT riversati dai PSP e le somme specificate nella RTs o dal FDR nel caso di riversamento singolo o cumulativo, rispettivamente. In tale circostanza la compensazione avviene in modalità manuale da concordare tra le controparti attraverso il tavolo operativo.

12.3. Gestione degli errori

12.3.1. Gestione degli errori di revoca

Il paragrafo mostra i casi di errore che si possono verificare durante il processo di richiesta di revoca di una Ricevuta Telematica, sia nel caso di revoca per Annullo Tecnico che per Charge-Back. Con assoluta generalità si documentano nei paragrafi successivi le tipologie di errori che afferiscono alle categorie “Errori Controparte” ed “Errori Validazione”; come specificato nel paragrafo Architettura Funzionale. Nell’analisi degli scenari si assume l’ulteriore semplificazione che l’interazione applicativa tra il NodoSPC ed i soggetti fruitori dei servizi esposti dal Nodo stesso non sia soggetta a fenomeni di timeout o congestione di rete. Si fa presente che nella gestione del ciclo di vita del pagamento tutti i casi riportati in seguito comportano la mancata ricezione del documento ER attestante l’esito positivo o meno del processo di revoca del pagamento.

RR Rifiutata dal NodoSPC

Pre-condizione Il PSP sottomette all’EC una Richiesta di Revoca di una RT
Descrizione Il NodoSPC esegue la validazione del documento RR replicando esito KO all’invocazione di invio richiesta revoca da parte del PSP.
Post-condizione Lo stato del pagamento è in Revoca Rifiutata

Tabella 9: RR Rifiutata dal NodoSPC

image5

Figura 6: Diagramma di sequenza nel caso di RR rifiutata dal Nodo

L’evoluzione temporale è la seguente:

  1. l’utilizzatore finale richiede la revoca di una RT [1];
  2. il PSP sottomette al NodoSPC il documento RR mediante la primitiva nodoInviaRichiestaRevoca;
  3. il NodoSPC valida la richiesta;
  4. il NodoSPC emana response KO emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_SINTASSI EXTRAXSD: in caso di errori nella SOAP request
    • PPT_SINTASSI_XSD: in caso di errori nel documento XML RR
    • PPT_RR_DUPLICATA: in caso di sottomissione di una richiesta di revoca precedentemente sottomessa
    • PPT_OPER_NON_REVOCABILE: nel caso non sussistano le condizioni per poter fruire del servizio di revoca (vedi caso d’uso nominale)
    • PPT_SEMANTICA: nel caso di errori semantici
  5. il PSP comunica all’Utilizzatore Finale l’impossibilità di procedere nell’operazione di revoca [2].

Le azioni di controllo suggerite sono riportate nella Tabella successiva

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_OPER_NON_REVOCABILE Verificare la revocabilità dell’operazione
  PPT_RR_DUPLICATA Verificare la composizione del documento XML RR e della SOAP request (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD  
  PPT_SINTASSI_XSD  
  PPT_SEMANTICA Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)

Tabella 10: Strategie di risoluzione nel caso di RR rifiutata dal Nodo

RR rifiutata dall’EC

Pre-condizione Il PSP sottomette all’EC una Richiesta di Revoca di una RT
Descrizione

Il NodoSPC valida positivamente il documento informativo RR:

  • l’EC risponde negativamente alla revoca
  • Il NodoSPC propaga al PSP l’errore emesso dall’EC mediante il faultBean il cui faultBean.faultCode è pari a PPT_ERRORE_EMESSO_DA_PAA
Post-condizione Lo stato del pagamento è in Revoca Rifiutata

image6

Figura 7: Diagramma di sequenza per il caso di errore di RR rifiutata dall’EC

L’evoluzione temporale del caso d’uso è la seguente (dal punto 4):

  1. il Nodo invia all’EC la Richiesta di Revoca mediante la primitiva paaInviaRichiestaRevoca;
  2. l’EC fornisce esito KO nella response emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • PAA_RR_DUPLICATA nel caso il PSP sottomette una richiesta di revoca precedentemente gestita
    • PAA_OPER_NON_REVOCABILE
  3. il NodoSPC inoltra l’errore emesso dall’EC fornendo response KO alla primitiva di cui al punto 1 dello scenario precedente.

La Tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione dell’anomalia.

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_ERRORE_EMESSO_DA_PAA Attivazione del Tavolo Operativo

Tabella 11: Strategia di risoluzione dello scenario RR rifiutata dall’EC

ER Rifiutata dal NodoSPC

Pre-condizione L’EC ha verificato la revocabilità di una RT a seguito di una richiesta di revoca
Descrizione
  • L’EC compone il documento informativo di esito revoca ER e lo invia al NodoSPC
  • Il NodoSPC esegue la validazione replicando con esito negativo
Post-condizione Lo stato del pagamento è in Esito Revoca Rifiutata

image7

Figura 8: Diagramma di sequenza per lo scenario di ER rifiutata dal Nodo

L’evoluzione temporale dello scenario è il seguente­:

  1. l’EC predispone il documento ER;
  2. l’EC invia al NodoSPC il documento ER mediante la primitiva nodoInviaRispostaRevoca;
  3. il NodoSPC valida negativamente il documento ER;
  4. Il Nodo fornisce esito KO nella response della primitiva di cui al punto 2 dove il valore del parametro faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_ER_DUPLICATA nel caso di sottomissione di una ER già inoltrata
    • PPT_RR_SCONOSCIUTA nel caso in cui rispetto all’ER inviato non risultasse alcuna RR precedentemente gestita

La Tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione delle anomalie

Strategia di risoluzione Tipologia di Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_OPER_NON_REVOCABILE Verificare la revocabilità dell’operazione
  PPT_RR_DUPLICATA Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE) e della SOAP request
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD  
  PPT_SINTASSI_XSD  
  PPT_SEMANTICA Verificare la composizione del documento XML RR

Tabella 12: Azioni di controllo per la risoluzione dello scenario di ER rifiutata dal Nodo

ER Rifiutata dal PSP

Pre-condizione Il NodoSPC ha validato il documento ER
Descrizione Il PSP replica con esito KO alla invio della Esito della Revoca da parte dell’EC
Post-condizione Lo stato del pagamento è in Esito Revoca Rifiutata

image8

Figura 9: Diagramma di sequenza per il caso ER rifiutata dal PSP

L’evoluzione dello scenario in esame è il seguente (si assume validazione positiva da parte del NodoSPC, punto 3)

  1. il Nodo sottomette l’ER al PSP mediante la primitiva pspInviaRispostaRevoca;
  2. il PSP replica negativamente alla primitiva precedente fornendo response KO dove il valore del parametro faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • CANALE_ER_DUPLICATA nel caso di ricezione di un ER precedentemente sottomessa
    • CANALE_RR_SCONOSCIUTA nel caso l’ER sottomesso dal NodoSPC non corrisponda ad una precedente RR.

La Tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione dell’anomalia

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_ERRORE_EMESSO_DA_PAA Attivazione del Tavolo Operativo

Tabella 13: Strategia di risoluzione dello scenario RR rifiutata dall’EC

12.3.2. Gestione degli errori di storno

Il paragrafo mostra i casi di errore che si possono verificare durante il processo di storno di un pagamento. Con assoluta generalità si documentano le tipologie di errori riportate nei paragrafi successivi che afferiscono alle categorie “Errori Controparte” ed “Errori Validazione”. Nell’analisi degli scenari si assume l’ulteriore semplificazione che l’interazione applicativa tra il NodoSPC ed i soggetti fruitori dei servizi esposti dal Nodo stesso non sia soggetta a fenomeni di timeout o congestione di rete. Si fa presente che nella gestione del ciclo di vita del pagamento tutti i casi riportati in seguito comportano la mancata ricezione del documento ER attestante l’esito positivo o meno del processo di storno del pagamento.

Richiesta Storno rifiutata dal Nodo

Pre-condizione L’EC esegue una richiesta di storno
Descrizione Il Nodo a seguito della validazione replica fornendo esito negativo
Post-condizione Il pagamento si trova in stato Storno Rifiutato

image9

Figura 10: Diagramma di sequenza dello scenario richiesta storno rifiutata dal Nodo

L’evoluzione temporale è la seguente:

  1. l’Utilizzatore finale richiede all’EC lo storno di un pagamento;
  2. l’EC genera il documento xml RR;
  3. l’EC sottomette al NodoSPC il documento RR mediante la primitiva nodoInviaRichiestaStorno;
  4. il NodoSPC valida il documento RR;
  5. il NodoSPC replica negativamente alla primitiva precedente fornendo response KO dove il valore del parametro faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_OPER_NON_STORNABILE nel caso in cui il PSP con il quale è stato effettuato il pagamento non supporta le funzionalità di storno
    • PPT_RT_SCONOSCIUTA nel caso in cui la richiesta di storno non risulti associata ad alcuna RT positiva

La tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione delle anomalie.

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE) e della SOAP request
  PPT_SINTASSI_XSD  
  PPT_RT_SCONOSCIUTA Verificare la composizione del documento XML RR e della SOAP request con particolare riferimento alla congruenza tra dati RR e dati presenti nella RT attestante il pagamento da stornare
  PPT_OPER_NON_STORNABILE Verificare la composizione del documento XML RR e della SOAP request; verificare l’adesione del PSP alle funzionalità di storno.
  PPT_SEMANTICA Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)

Tabella 14: Azioni di controllo suggerite per lo scenario Richiesta Storno rifiutata dal Nodo

Richiesta Storno Rifiutata dal PSP

Pre-condizione Il NodoSPC ha validato la richiesta di storno sottomessa dall’EC
Descrizione Il PSP valida la richiesta di storno e fornisce esito KO
Post-condizione Il pagamento si trova in stato Storno Rifiutato

image10

Figura 11: Evoluzione temporale dello scenario richiesta storno rifiutata dal PSP

L’evoluzione temporale è la seguente (dal punto 4):

  1. il NodoSPC valida positivamente la richiesta di storno;
  2. il NodoSPC sottomette la richiesta di storno mediante la primitiva pspInviaRichiestaStorno;
  3. il PSP replica con esito KO indicando un fault.bean il cui fault.code specifica l’errore riscontrato; in particolare:
    • CANALE_SEMANTICA nel caso di errori nel tracciato XML RR
    • CANALE_OPER_NON_STORNABILE nel caso di operazione non stornabile dal PSP
    • CANALE_RR_DUPLICATA nel caso in cui l’EC sottomette una richiesta di storno precedentemente inviata
    • CANALE_RT_SCONOSCIUTA nel caso in cui non sussista corrispondenza tra la richiesta di storno e la RT attestante il pagamento da stornare
  4. il NodoSPC emette esito KO alla primitiva nodoInviaRichiestaStorno inoltrando l’errore riscontrato dal PSP emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato.
  5. l’EC notifica l’utilizzatore finale dell’esito KO dell’operazione.

La tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione dell’anomalia.

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_CANALE_ERRORE Attivazione del Tavolo Operativo

Tabella 15: Azioni di controllo suggerite per lo scenario Richiesta Storno rifiutata dal PSP

Esito Storno Rifiutato dal Nodo

Pre-condizione Il PSP ha validato una richiesta di storno precedentemente sottomessa dal NodoSPC e procede ad inviare l’esito storno
Descrizione Il NodoSPC valida negativamente l’Esito storno
Post-condizione Il pagamento si trova in stato Storno Rifiutato

image11

Figura 12: Scenario Esito Storno rifiutato dal Nodo

L’evoluzione temporale è la seguente:

  1. il PSP predispone il documento XML ER attestante l’esito delle operazioni di storno;
  2. il PSP invia al NodoSPC il documento ER mediante la primitiva nodoInviaEsitoStorno;
  3. il NodoSPC valida negativamente la richiesta precedente;
  4. il NodoSPC fornisce response negativa mediante esito KO emanando un faultBean il cui faultBean.FaultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_ER_DUPLICATA nel caso il PSP sottomette al NodoSPC un esito storno precedentemente inviato
    • PPT_RR_SCONOSCIUTA nel caso il PSP sottomette al NodoSPC un documento ER non coerente con la precedente richiesta di storno
    • PPT_SEMANTICA nel caso il NodoSPC riscontrasse errori nel tracciato XML ER.

La tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione delle anomalie.

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE) e della SOAP request
  PPT_SINTASSI_XSD  
  PPT_ER_DUPLICATA Verificare la composizione del documento XML RR e della SOAP request con particolare riferimento alla congruenza tra dati RR e dati presenti nella RT attestante il pagamento da stornare
  PPT_RR_SCONOSCIUTA  
  PPT_SEMANTICA Verificare la composizione del documento XML ER Verificare la composizione del documento XML RR (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)

Tabella 16: Strategie di risoluzione per il caso ER rifiutata dal Nodo

Esito Storno rifiutato dall’EC

Pre-condizione Il PSP ha validato una richiesta di storno precedentemente sottomessa dal NodoSPC e procede ad inviare l’esito storno
Descrizione L’EC valida negativamente l’Esito storno
Post-condizione Il pagamento si trova in stato Storno Rifiutato

image12

Figura 13: Scenario Esito Storno rifiutato da EC

L’evoluzione temporale dello scenario è il seguente (dal punto 4):

  1. il NodoSPC invia il documento ER all’EC mediante la primitiva paaInviaEsitoStorno;
  2. l’EC risponde negativamente all’invocazione precedente mediante esito KO emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode è rappresentativo dell’errore riscontrato; in particolare:
    1. PAA_ER_DUPLICATA nel caso l’esito storno risultasse precedentemente inviato
    2. PAA_RR_SCONOSCIUTA nel caso in cui all’ER sottomessa non corrisponda alcuna RR precedentemente generata
    3. PAA_SEMANTICA nel caso in cui si riscontrino errori nel tracciato ER
  3. il NodoSPC propaga l’errore riscontato dall’EC mediante faultBean il cui faultBean.faultCode è pari a PPT_ERRORE_EMESSO_DA_PAA.

La tabella successiva mostra le azioni di controllo suggerite per la risoluzione delle anomalie

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_ERRORE_EMESSO_DA_PAA Attivazione del Tavolo Operativo

Tabella 17: Strategie di risoluzione per il caso ER rifiutata dall’EC

ER Mancante per timeout delle controparti

Gli scenari di errore proposti nei paragrafi precedenti mostrano i possibili casi di ER mancante a causa di errori applicativi rappresentati dall’emanazione da parte degli attori coinvolti di un faultBean contenente un’eccezione applicativa appartenente ad una determinata famiglia di errori. Un ulteriore caso da prendere in esame è rappresentato dall’impossibilità di chiusura del processo di storno nel caso in cui le parti riscontrassero fenomeni di timeout.

Pre-condizione La posizione debitoria è nello stato Richiesta Storno Inviata
Descrizione Il PSP e l’EC riscontrano fenomeni applicativo/infrastrutturali per i quali si manifestano condizioni di timeout nell’invocazione delle primitive e/o nella ricezione delle relative response.
Post-condizione Il pagamento permane in stato Richiesta Storno Inviata

image13

Figura 14: Evoluzione temporale dello scenario Esito Storno mancate per timeout

L’evoluzione temporale è la seguente:

  1. il PSP predispone il documento XML ER;

A questo punto sono possibili i seguenti scenari:

Timeout PSP in fase di invocazione

  1. La primitiva nodoInviaEsitoStorno non va a buon fine a causa di fenomeni di congestione imputabili al NodoSPC.

Timeout EC

  1. il PSP invia il documento ER mediante la primitiva nodoInviaEsitoStorno;
  2. Il NodoSPC valida positivamente la richiesta.

Alternativamente

  1. l’EC riscontra condizioni di timeout per le quali fallisce l’invocazione della primitiva paaInviaEsitoStorno;

oppure

  1. l’EC riscontra condizioni di timeout imputabili al NodoSPC per le quali la response alla primitiva paaInviaEsitoStorno non giunge al PSP.

In ogni caso

  1. il NodoSPC invia response KO alla primitiva nodoInviaEsitoStorno emanando un faultBean il cui faultCode è pari a PPT_STAZIONE_INT_PA_TIMEOUT.

Timeout PSP in ricezione response

  1. il PSP invia il documento ER mediante la primitiva nodoInviaEsitoStorno;
  2. Il NodoSPC valida positivamente la richiesta;
  3. l’EC riceve l’esito storno mediante la primitiva paaInviaEsitoStorno;
  4. l’EC emana response (di qualsiasi esito) alla primitiva precedente;
  5. Il NodoSPC inoltra la response al PSP che fallisce per condizioni di timeout.
Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_STAZIONE_INT_PA_TIMEOUT Attivazione del Tavolo Operativo
  Nessuna ricezione response  

Tabella 18: strategia di risoluzione

12.3.3. Gestione degli errori di riconciliazione

Il paragrafo descrive la gestione degli errori che possono verificarsi durante l’esercizio del processo di riconciliazione contabile. In particolare sono prese in esame le eccezioni per le quali si riscontra il fallimento delle primitive in gioco oppure l’esito negativo del workflow di riconciliazione; tutte le eccezioni riportate non permettono al pagamento di transire allo stato “Pagamento riconciliato”. I casi di errore descritti prevedono l’attivazione del Tavolo Operativo [3] nel caso in cui i soggetti erogatori e fruitori dei servizi applicativi risultassero impossibilitati a procedere in autonomia nella risoluzione delle anomalie oppure l’azione di controllo suggerita non risultasse risolutiva.

SCT singolo in assenza di RPT

Pre-condizione Il PSP ha incassato diversi servizi
Descrizione Nell’elaborare un SCT singolo di riversamento relativamente ad un flusso di rendicontazione in assenza di RPT ( codice 9 ), il PSP evidenzia la mancanza di il PSP non evidenzia la mancanza della RPT.
Post-condizione N/A

In caso di mancanza di RPT, il PSP non è in grado di valorizzare l’attributo AT-05 con la causale di versamento in quanto tale informazione sarebbe dovuta essere reperibile all’interno della RPT non ricevuta.

Le possibili azioni di controllo sono riportate nella tabella successiva:

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  Flusso codice 9 E’ necessario attivare un TAVOLO OPERATIVO
     

Invio flusso rifiutato dal NodoSPC

Pre-condizione Il PSP invia al NodoSPC un flusso di rendicontazione
Descrizione Il NodoSPC esegue la validazione del flusso fornendo response negativa
Post-condizione Lo stato del pagamento permane in RT_PAGATA

image14

Figura 15: Evoluzione temporale dello scenario flusso rifiutato dal Nodo

L’evoluzione temporale dello scenario è la seguente:

  1. il PSP genera il flusso di rendicontazione componendo il file XML di rendicontazione codificato in base64;
  2. il PSP, mediante la primitiva nodoInviaFlussoRendicontazione, invia al NodoSPC il flusso di rendicontazione generato, valorizzando i parametri di input identificativoFlusso con l’identificativo del flusso di rendicontazione da trasmettere e il parametro xmlRendicontazione con il file XML di rendicontazione codificato in base64.
  3. il NodoSPC verifica il file XML di rendicontazione;

Eseguito uno degli scenari alternativi, il flusso procede come segue:

  1. il Nodo replica negativamente alla primitiva precedente fornendo response con esito KO emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode rappresenta l’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_FLUSSO_SCONOSCIUTO: il NodoSPC non riscontra alcuna congruenza tra il valore del parametro di input identificativoFlusso della primitiva di richiesta ed il valore del parametro identificativoFlusso nel file XML di rendicontazione;
    • PPT_SEMANTICA nel caso di riscontro di errori nel tracciato xml del file XML di rendicontazione.

Le possibili azioni di controllo sono riportate nella tabella successiva:

Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_FLUSSO_SCONOSCIUTO Verificare la composizione della SOAP request nodoInviaFlussoRendicontazione ed il contenuto del file XML di rendicontazione
  PPT_SEMANTICA Verificare la composizione del file XML di rendicontazione (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)

Tabella 19: Strategia di risoluzione dello scenario Flusso rifiutato dal Nodo

Timeout invio flusso di rendicontazione

Il seguente scenario, nel trattare in generale il caso di timeout successivo all’invio del flusso di rendicontazione, si sofferma sulla gestione dei messaggi di errore maggiormente rappresentativi.

Pre-condizione Il tempo di attesa della response del NodoSPC supera il timeout di cui al documento Livelli di Servizio
Descrizione Il NodoSPC manifesta condizioni di timeout ed il PSP esegue il relativo processo di gestione
Post-condizione Lo stato del pagamento permane in RT_EC

L’evoluzione temporale è la seguente:

image15

Figura 16: Timeout invio flusso di rendicontazione

  1. il PSP genera il flusso di rendicontazione componendo il file XML di rendicontazione codificato in base64.
  2. il PSP accredita con SCT il conto dell’EC per l’importo delle somme incassate (l’SCT contiene l’indicazione del flusso di rendicontazione)
  3. il PSP invia al NodoSPC il file XML di rendicontazione da elaborare mediante la primitiva nodoInviaFlussoRendicontazione;

il NodoSPC non risponde manifestando una condizione di timeout;

  1. il PSP richiede lo stato di elaborazione del flusso di rendicontazione inviato mediante la primitiva nodoChiediStatoElaborazioneFlussoRendicontazione valorizzando il parametro di input identificativoFlusso con il valore dell’identificativo flusso di cui richiedere lo stato;
  2. Il NodoSPC effettua il controllo sullo stato di elaborazione del flusso inviato;
  3. Il NodoSPC replica mediante response OK alla primitiva di cui al punto 8 fornendo lo stato di elaborazione del flusso di rendicontazione; in particolare:
    • FLUSSO_IN_ELABORAZIONE: il NodoSPC deve terminare le operazioni di archiviazione dei flussi sulle proprie basi di dati;
    • FLUSSO_ELABORATO: il NodoSPC ha elaborato il flusso di rendicontazione inviato dal PSP;
  4. il PSP gestisce lo stato riscontrato dal NodoSPC eliminando il file XML di rendicontazione nel caso di FLUSSO_ELABORATO oppure attendendo oltre nel caso di FLUSSO_IN_ELABORAZIONE.

Richiesta lista flussi di rendicontazione rifiutata dal NodoSPC

Pre-condizioni

La posizione debitoria si trova nello stato PAGATA e lo stato del pagamento è in RT_EC.

L’EC richiede la lista dei flussi di rendicontazione

Descrizione L’EC non riceve la lista dei flussi di rendicontazione richiesta ed è impossibilitato a procedere alla riconciliazione dei pagamenti
Post-condizione Lo stato del pagamento è in RT_EC

image16

Figura 17: Richiesta lista flussi di rendicontazione rifiutata dal NodoSPC

L’evoluzione temporale dello scenario è la seguente:

  1. l’EC richiede, mediante la primitiva nodoChiediElencoFlussiRendicontazione, la lista dei flussi di rendicontazione archiviata sul NodoSPC;
  2. Il NodoSPC valida negativamente la richiesta ed emana response negativa con esito KO e faultBean.FaultCode rappresentativo dell’errore riscontrato.
Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD Verificare la composizione della SOAP request (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)
  PPT_PSP_SCONOSCIUTO Verificare il parametro identificativoPSP nella SOAP request

Tabella 20: Strategia di risoluzione dello scenario richiesta lista flussi rifiutata dal Nodo

Richiesta Flusso Rifiutata dal Nodo / Nessun flusso presente

Pre-condizione La posizione debitoria si trova nello stato PAGATA e lo stato del pagamento è in RT_EC e L’EC richiede uno specifico flusso di rendicontazione
Descrizione L’Ente Creditore non riceve lo specifico flusso richiesto
Post-condizione Lo stato del pagamento è in RT_EC

image17

Figura 18: Evoluzione temporale dello scenario richiesta Flusso rifiutata dal Nodo / Flusso mancate

L’evoluzione temporale dello scenario è la seguente:

  1. l’EC richiede al NodoSPC uno specifico flusso di rendicontazione mediante la primitiva nodoChiediFlussoRendicontazione;
  2. il Nodo replica negativamente alla richiesta fornendo response con esito KO emanando un faultBean il cui faultBean.faultCode rappresenta l’errore riscontrato; in particolare:
    • PPT_SINTASSI_EXTRAXSD: nel caso di errori di invocazione della SOAP request;
    • PPT_ID_FLUSSO_SCONOSCIUTO: nel caso l’EC richieda un flusso il cui identificativoFlusso risulti non registrato nelle basi di dati del NodoSPC;
    • PPT_SYSTEM_ERROR: nel caso in cui il NodoSPC riscontri errori di sistema nell’elaborazione della richiesta;
Strategia di risoluzione Tipologia Errore Azione di Controllo Suggerita
  PPT_SINTASSI_EXTRAXSD Verificare la composizione della richiesta SOAP (vedi documento “Elenco Controlli Primitive NodoSPC” per la relativa primitiva/FAULT_CODE)
  PPT_SEMANTICA  
  PPT_ID_FLUSSO_SCONOSCIUTO Verificare il valore del parametro di input IDFLUSSO nella richiesta SOAP
  PPT_SYSTEM_ERROR Ritentare nuovamente la richiesta del flusso di rendicontazione, altrimenti innescare il Tavolo Operativo

Tabella 21: Richiesta Flusso Rifiutata dal Nodo / Nessun flusso presente

[1]Attività da considerarsi solo nel caso di Revoca per Charge-Back
[2]Attività da considerarsi solo nel caso di Revoca per Charge-Back
[3]Per i dettagli del Tavolo Operativo si rimanda alla sezione IV.