Aiutaci a costruire il futuro di Docs Italia. Rispondi al questionario per dare il tuo contributo

Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

3.1 Costruire una mappa degli applicativi e dei servizi attivi

Il primo obiettivo da raggiungere è quello di avere una visione d’insieme degli applicativi e di classificarli in modo semplice per poterli prioritizzare ed identificare quelli da cui iniziare, o con cui procedere, la migrazione al cloud, ovvero quelli che ne traggono maggiori benefici e pongono minori criticità.

3.1.1 Lista degli applicativi

Il primo passo da compiere è stilare una lista degli applicativi attualmente in uso (vedi allegato «Lista degli applicativi»), ovvero sia gli applicativi utilizzati abitualmente che quelli con accessi saltuari o legati a specifiche necessità. Sono da considerare tutti gli applicativi che utilizzano l’infrastruttura dell’organizzazione.

Per ogni applicativo è utile tracciare il nome con la versione, l’interlocutore con cui si interagisce per gestire gli aggiornamenti, le evoluzioni, ecc. (può essere il produttore stesso dell’applicativo, il fornitore, includendo altre entità pubbliche come un ministero) e le eventuali licenze associate (vedi il capitolo 3.1.2).

Ad ogni applicativo è poi utile associare i servizi che supporta e l’indicazione delle persone di riferimento per tali servizi. Con applicativo, infatti, si fa riferimento al software o alle componenti strettamente tecnologiche dell’applicazione. Con servizio, invece, si intende la prestazione erogata agli utenti, siano questi esterni (ad es.i cittadini) o interni (ad es. i dipendenti) all’amministrazione. Un applicativo può dunque supportare uno o più servizi e, viceversa, un servizio può richiedere uno o più applicativi.

Si consiglia perciò di prestare particolare attenzione alla mappatura dei servizi sulla lista degli applicativi, in quanto l’amministrazione dovrà probabilmente considerare di migrare più applicativi per iniziare ad erogare un servizio con il paradigma cloud.

La costruzione di questo elenco può seguire un approccio iterativo ed incrementale, in cui si collezionano inizialmente gli applicativi di cui si ha maggiore evidenza e si integra successivamente la lista con quelli per i quali è necessaria un’indagine più approfondita per verificarne l’esistenza e l’utilizzo.

3.1.2 Licenze

3.1.2.1 Licenze software

Nella compilazione della lista degli applicativi, risulta utile riportare anche le informazioni relative alle licenze a loro associate, in quanto saranno uno dei fattori da considerare nello step di prioritizzazione. È comunque importante fare attenzione a non considerare le licenze software come unico driver di prioritizzazione per la migrazione in cloud (vedi capitolo 3.1.3 per i dettagli).

Le informazioni relative alle licenze da inserire durante la compilazione della lista degli applicativi sono:

  • tipologia di licenza on-premise e open source
  • data di scadenza contrattuale della licenza

3.1.2.1.1 Tipologie di licenze on-premise

Vi sono diverse tipologie di licenze on-premise, quali ad esempio:

  • licenza perpetua: in passato l’unica opzione disponibile era l’acquisto di software su supporto fisico come un floppy o disco ottico. Avere un programma su supporto fisico rendeva facile installarlo su eventuali nuove macchine. Software di questo tipo erano distribuiti tramite una licenza perpetua garantendo al titolare la possibilità di usarlo per tutto il tempo che desidera senza costi aggiuntivi in base ai termini di contratto di licenza con l’utente finale o EULA. Questo tipo di licenza è generalmente meno comune oggi, in quanto le software house sviluppano i loro programmi con una strategia che favorisce un’alta frequenza di aggiornamento solitamente compresa nel prezzo.
  • licenza per sito: un tipo di licenza software che consente all’utente di installare un pacchetto software in più computer contemporaneamente, ad esempio in un particolare sito (struttura) o in un ente. A seconda dell’importo delle tariffe pagate, la licenza può essere illimitata o può limitare l’accesso simultaneo a un determinato numero di utenti. Il termine «sito» si intende a definire una limitazione sui diritti di accesso dell’utente. Al giorno d’oggi, questi tipi di licenze sono rare, ma ancora utilizzate in alcuni settori. I venditori possono inserire clausole che consentono ai rappresentanti di visitare il sito e verificare che l’uso del software confermi la licenza (auditing). Una licenza per sito funziona in maniera molto simile a una licenza perpetua tranne che si applica a tutti i membri del “sito”. Solitamente il prezzo per utente diminuisce con l’aumentare degli utenti.
  • licenza nominativa: una licenza per postazione è un modello di licenza software basato sul numero di singoli utenti che hanno accesso a un servizio o prodotto digitale. Ad esempio, la licenza per postazione da 50 utenti permette fino a 50 utenti nominati individualmente di accedere al programma. Un’alternativa è la licenza utente simultanea, basata sul numero di utenti simultanei, indipendentemente da quali individui stiano accedendo al programma. Ad esempio, in una licenza di utilizzo simultaneo da 50 utenti, dopo che 50 utenti sono connessi al programma, il 51° utente viene bloccato. Quando uno dei primi 50 si disconnette, l’utente successivo può accedere.

3.1.2.1.2 Tipologie di licenze open source

Vi sono diverse tipologie di licenze open source e solitamente i software licenziati in questo modo non hanno particolari restrizioni quando migrati in cloud.

Per un compendio più completo sui tipi di licenze e sulla loro gestione per il riuso degli applicativi, rimandiamo al documento Allegato C: Guida alle licenze Open Source pubblicato da AgID.

3.1.3 Prioritizzazione degli applicativi

Come decidere ora l’ordine con cui migrare le applicazioni nel cloud? È una domanda molto importante, perché un successo iniziale durante la migrazione al cloud è fondamentale per continuare il percorso di adozione del cloud. Viceversa, un insuccesso precoce può pregiudicare la prosecuzione.

Benché i vantaggi del cloud siano chiari, osservare e analizzare in dettaglio gli aspetti di ogni applicazione che è stata creata o implementata nell’organizzazione può essere complicato e dispendioso in termini di tempo. Sebbene non esista una risposta valida per tutti gli scenari, esistono alcune buone pratiche che è possibile utilizzare per iniziare a fare una valutazione di alto livello sull’ordine con cui migrare gli applicativi. Questo tipo di pianificazione anticipata può semplificare il processo di migrazione e rendere più fluida l’intera transizione cloud.

Il seguente framework aiuta ad identificare l’ordine con cui procedere con la valutazione di dettaglio (vedo 3.2) per la migrazione degli applicativi. Esso si basa su quattro livelli di priorità come illustrato nel seguente grafico:

immagine 8

I software con “opportunità da cogliere” hanno una priorità maggiore rispetto a quelli con “rischio minimo” che a loro volta sono da privilegiare rispetto agli applicativi “semplici da migrare”. I software che non rientrano in nessuno dei livelli precedenti sono da considerare per ultimi.

Identificare per ogni software presente nella lista il livello di priorità. Tale livello può essere identificato sulla base dei principi specificati nelle sezioni seguenti ed utilizzando le domande proposte come esempi. Si raccomanda di considerare i molteplici aspetti che le domande fanno emergere nell’insieme per valutare l’appartenenza al livello.

Procedere, per uno specifico applicativo, in modo sequenziale partendo dal livello di priorità più alta (“opportunità da cogliere”) fino a quello a priorità più bassa (“altro”). Se il software può essere considerato per il livello di priorità in esame, si passa all’applicativo successivo ripartendo dal livello a priorità più alta.

Un applicativo può logicamente ricadere in più livelli: va associato solo al livello di priorità più alta tra quelli applicabili.

Una volta completata la classificazione degli applicativi sui quattro livelli, procedere con lo step successivo per gli applicativi appartenenti al livello di priorità più alto (non necessariamente in modo contemporaneo).

In caso ad un livello appartengano un numero significativo di applicativi è raccomandato di iterare la prioritizzazione utilizzando le dimensioni a priorità inferiore, ad es. se il livello “opportunità da cogliere” ha decine di applicativi, si può raffinare la prioritizzazione considerando per ognuno il livello di rischio, identificando quelli a rischio minimo. Se necessario, si può ulteriormente raffinare dando priorità, tra quelli con opportunità da cogliere e rischio minimo, a quelli più facili da migrare.

3.1.3.1 Livello 1: opportunità da cogliere

Gli applicativi che si consiglia di approfondire per primi per la migrazione sono quelli che a oggi hanno maggiori opportunità di trarre vantaggio (soprattutto in termini di costi) dal cloud.

Ecco alcune domande da porsi per identificare gli applicativi appartenenti a questo livello:

  • Si prevedono significativi risparmi di costi con la migrazione al cloud di questo applicativo? Ad es.
    • La licenza software è in scadenza?
    • Si può risparmiare sulle spese per le strutture, l’alimentazione ed il raffreddamento?
    • Si può risparmiare sui costi di connettività?
  • È necessaria una soluzione di disaster recovery?
  • Adotta già una soluzione di disaster recovery onerosa?
  • Questo applicativo richiede un aggiornamento hardware imminente che rende più interessante il passaggio al cloud prima piuttosto che più avanti nel tempo?
  • Questo applicativo richiede un incremento delle risorse hardware?
  • Questo applicativo richiede frequente manutenzione hardware?
  • Ci sono applicativi nel cloud (soluzioni Saas) che renderebbero questa applicazione notevolmente migliore?
  • Ci sono requisiti di conformità normativa per questa applicazione non ancora soddisfatti che possono essere risolti sul cloud?

Identificare questi applicativi, primi candidati per la migrazione, permetterà all’amministrazione di ottenere successi rapidi che producono vantaggi tangibili e immediati per gli utenti e l’organizzazione stessa.

3.1.3.2 Livello 2: ridurre al minimo il rischio di migrazione

Laddove il primo livello si concentra sulle opportunità, il secondo livello si concentra sul rischio. Quali applicazioni puoi spostare con un rischio relativamente basso per la continuità del servizio? Ci sono una serie di domande che l’IT può farsi per aiutare a valutare quali applicazioni sono meno rischiose da migrare, ovvero tra le più interessanti da migrare nelle prime fasi di un progetto di migrazione cloud. Per esempio:

  • Qual è la criticità di questa applicazione per l’organizzazione? Qual è la sensibilità rispetto ai tempi di inattività? molto importante, 24x7 mission-critical? moderatamente importante? bassa importanza, ambiente dev / test? Guida: gli applicativi con minore criticità espongono ad un rischio minore
  • Un alto numero di dipendenti e/o cittadini dipendono da questa applicazione? Guida: un minor numero di utilizzatori rappresenta un rischio minore
  • Qual è il livello dell’ambiente di questa applicazione (produzione, staging, test, sviluppo)? Guida: gli ambienti non di produzione hanno un rischio minore
  • Quante dipendenze e/o integrazioni non interoperabili ha questa applicazione (ovvero che non utilizzano API)? Guida: dipendenze/integrazioni basate su API rappresentano un rischio minore
  • Qual è la conoscenza del team IT di questa applicazione? Guida: maggiore è la conoscenza, minore è il rischio
  • Il team IT ha una documentazione completa e aggiornata per questa applicazione e la sua architettura? Diagramma di sistema, diagramma di rete, diagramma del flusso di dati, documentazione sulla build/deploy, documentazione della manutenzione in corso, .. Guida: più completa ed aggiornata è la documentazione, minore è il rischio
  • Quali sono i requisiti di conformità normativa per questa applicazione? Guida: maggiori requisiti di conformità introducono più variabili da controllare, aumentando il rischio
  • Qual è la sensibilità ai tempi di fermo e / o di risposta per questa applicazione? Guida: garantire tempi di risposta molto ridotti in specifici contesti possono rappresentare un rischio maggiore. Impatto elevato in caso di tempi di fermo rappresenta un rischio maggiore.
  • Ci sono responsabili d’area desiderosi e disposti a migrare i loro applicativi in anticipo?

Porsi delle domande come quelle in elenco aiuta a classificare le applicazioni dal rischio più basso al più alto. Le applicazioni a basso rischio dovrebbero essere migrate per prime e le applicazioni a rischio più elevato dovrebbero invece essere migrate più tardi.

3.1.3.3 Livello 3: facilità di migrazione al cloud pubblico

Il terzo livello in questo framework ruota attorno alla facilità con cui è possibile migrare potenzialmente un’applicazione al cloud. A differenza del rischio, che riguarda l’importanza relativa di tale applicazione, la facilità di migrazione riguarda il modo in cui il trasferimento dell’applicazione verso il cloud sarà privo di attriti. Alcune buone domande da porsi includono:

  • Come è stata sviluppata questa applicazione? Acquisto di terze parti da un produttore rilevante (ancora in attività?), acquisto di terze parti da un produttore minore (ancora in attività?), scritto in-house (autore ancora in organizzazione?), scritto da un partner (ancora attivo? Ancora un partner?)
  • Quanto è nuova questa applicazione? È stata progettata per l’esecuzione on-premise o nel cloud? Adotta microservizi? È multi-tier?
  • È possibile migrare questa applicazione utilizzando approcci semplici come lift-and-shift (re-host)? Utilizza macchine virtuali o container?
  • Questa applicazione è strettamente dipendente da uno specifico sistema operativo o è flessibile rispetto a questo aspetto?
  • Questa applicazione (o i suoi dati) ha requisiti normativi, di conformità per l’esecuzione on-premise? Guida: la conformità può aumentare la complessità della migrazione
  • Quali sono le considerazioni sui dati per questa app? Sono aggiornati di frequente? Ci sono altri sistemi dipendenti da questo set di dati?

Quando si pianificano le applicazioni da migrare nel cloud, è possibile che a volte applicazioni di Livello 3 possano andare prima del Livello 2 (o anche Livello 1). Questo è assolutamente normale. Livello 2 e Livello 3 implicano molte variabili, quindi è comune avere un po” di scambi lungo il percorso di migrazione mantenendo comunque il senso logico della sequenza

3.1.3.4 Livello 4: altro

Il quarto ed ultimo livello di questo framework raccoglie tutti quegli applicativi che non hanno un evidente beneficio dalla migrazione al cloud, rappresentano un rischio significativo nella migrazione per i servizi che supportano e hanno una complessità specifica nella migrazione.

Questo tipo di applicativi sono tipicamente applicativi molto personalizzati o costituiti da soluzioni ad hoc per necessità particolari, per cui la loro migrazione pone sfide che altri applicativi di mercato non pongono e per i quali non ci si può affidare a conoscenza diffusa sul mercato.

Questi applicativi possono essere lasciati in fondo al processo di migrazione perché la combinazione dei fattori li rende meno appetibili dal punto di vista del valore generato rispetto agli altri e la complessità della migrazione richiede un’esperienza consolidata che si può avere dopo aver completato con successo le migrazioni precedenti.