Aiutaci a costruire il futuro di Docs Italia. Rispondi al questionario per dare il tuo contributo

Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

6. Eseguire la migrazione: i dati

La migrazione dei dati è il processo di trasferimento dei dati da un sistema (sorgente) ad un altro (destinazione) utilizzando strumenti e tecniche appropriati. Essendo questo uno degli aspetti più critici di una migrazione al cloud, lo trattiamo approfonditamente in questo capitolo fornendo esempi e buone pratiche specifiche per i diversi scenari che la pubblica amministrazione può trovarsi ad affrontare.

Il processo di migrazione dei dati si articola tipicamente secondo queste fasi:

  1. preparazione della migrazione
  2. validazione dei dati nel sistema sorgente
  3. creazione dello schema dei dati nel sistema destinazione
  4. mappatura delle strutture dati del sistema sorgente nel sistema destinazione
  5. conversione e trasferimento dei dati dal sistema sorgente al sistema destinazione
  6. validazione dei dati migrati nel sistema di destinazione
  7. dismissione del sistema sorgente

Ognuna di queste fasi può essere eseguita secondo modalità diverse in base al tipo di migrazione.

All’aumentare dei dati memorizzati nel sistema sorgente, il processo di migrazione diventa più complesso ed esposto a rischi come:

  • perdita dei dati: alcuni dati presenti nel sistema sorgente potrebbero non essere trasferiti correttamente nel sistema di destinazione;
  • inconsistenza dei dati: anche una migrazione apparentemente corretta può nascondere delle insidie. Un dato potrebbe finire in una colonna differente, o l’ordine di esecuzione delle attività di migrazione potrebbe non rispettare le relazioni tra i dati; Ad esempio dovendo migrare un insieme di utenti e le loro liste dei desideri, le seconde andrebbero migrate dopo i primi;
  • downtime prolungato: il processo di migrazione può richiedere più tempo di quanto pianificato e durante questo processo il sistema sorgente non è disponibile;
  • corruzione dei dati: regole di validazione e di codifica differenti tra il sistema sorgente e quello di destinazione possono rendere indisponibili le applicazioni e generare errori anche permanenti, specie se vengono rilevati durante l’utlizzo degli applicativi. Questo può impattare anche sugli utenti finali;
  • interferenze: se il sistema sorgente o di destinazione sono in uso durante il processo di migrazione, possono verificarsi dei contenziosi sull’accesso e la modifica delle risorse (eg. locking delle tabelle) o un disallineamento dei dati.

Questi rischi possono essere mitigati adottando strumenti e tecniche di test della migrazione dei dati, come raccomandato nella fase di validazione.