Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

3.5. Licenze aperte e scelta di una licenza

Per effettuare il rilascio del codice sorgente di un software sotto licenza aperta, l’amministrazione deve scegliere un testo di licenza appropriata.

3.5.1. Contesto

È necessario considerare che il legislatore, nel redigere l’articolo 69, ha chiaramente indicato come obiettivo quello di favorire il riuso del software stesso tra più amministrazioni. È dunque importante che la prima considerazione in ordine di importanza nella scelta della licenza sia quella di valutare l’impatto che il testo della licenza ha sulla possibilità di riuso da parte di altre amministrazioni.

Fin dagli anni ‘80, il mondo della ricerca informatica e dell’industria ha prodotto numerosi testi di licenza per il software Open Source, con l’obiettivo di creare un modello di condivisione mondiale del software. Con il progressivo aumento della complessità degli applicativi, si è reso sempre più importante, a scopo anche esclusivamente economico e di efficienza, lavorare integrando componenti già pronti, piuttosto che cominciare ogni volta a sviluppare codice da capo.

3.5.2. Licenze per il software aperto

Una licenza aperta, così come intesa nell’Art. 69 del CAD, è una licenza che garantisca all’utente di un software le seguenti libertà:

  • Libertà di eseguire il software come si desidera, per qualsiasi scopo, senza ulteriori costi o restrizioni;
  • Libertà di studiare come funziona il software e di modificarlo in modo da adattarlo alle proprie necessità;
  • Libertà di ridistribuire copie del software;
  • Libertà di modificare il software e distribuirne pubblicamente le versioni modificate. 1

L’accesso al codice sorgente, o parimenti al formato necessario per riprodurre e modificare un’opera, è un prerequisito per rispettare tali libertà.

Open Source Initiative 2 (OSI) è un’organizzazione internazionale, riconosciuta a livello mondiale per il proprio processo di certificazione delle licenze software che rispettano detti requisiti. La lista aggiornata delle licenze certificate da OSI è disponibile al seguente indirizzo (indice alfabetico): https://opensource.org/licenses/alphabetical

L’adempimento dell’Art. 69 del CAD, relativamente alla scelta della licenza, deve essere effettuato scegliendo una licenza tra quelle certificate da Open Source Initiative. In alternativa, l’amministrazione che volesse provvedere in autonomia a redigere un testo di una licenza d’uso, può usare tale testo solo previa certificazione da Open Source Initiative, onde verificarne l’aderenza ai principi del software aperto. Il processo di invio di una licenza per approvazione è dettagliato all’indirizzo: https://opensource.org/approval.

Si noti che per identificare univocamente un testo di licenza, è possibile utilizzare la categorizzazione SPDX 3, che associa ad ogni licenza (o combinazione) un codice e un’espressione univoci. Un elenco aggiornato dei codici e dei rispettivi testi di licenza è disponibile all’indirizzo: https://spdx.org/licenses/.

In allegato alle linee guida (Allegato C: Guida alle licenze Open Source) si trova una guida per approfondire il tema delle licenze Open Source, che delinea una categorizzazione dei principali tipi di licenza e delle loro caratteristiche.

3.5.3. Scelta di una licenza

Una licenza di software libero consente l’utilizzo gratuito del codice sorgente cui si riferisce, dettando però alcuni vincoli da rispettare. Pertanto, l’integrazione di più componenti di software libero rilasciati sotto licenze diverse richiede una analisi di compatibilità delle stesse. Tale analisi può risultare eccessivamente complessa se le licenze coinvolte sono molteplici, comportando costi aggiuntivi.

In altre parole, una proliferazione di licenze diverse rende più difficile e oneroso il riuso del software, contravvenendo agli obiettivi delineati dall’art. 69 del CAD.

Si propone quindi il seguente albero decisionale per la scelta di una licenza aperta:

  • Se il rilascio del software si riferisce ad una modifica di software Open Source esistente (quindi software preso a riuso da un’altra amministrazione o di proprietà di terze parti), l’amministrazione utilizzerà la stessa licenza con la quale è stato originariamente distribuito il software, per favorire la massima interoperabilità e riuso con altri utilizzatori del medesimo software;

  • Se si tratta di un software nuovo, tranne per le eccezioni specificate sotto, utilizzare la licenza EUPL v1.2 (codice SPDX: EUPL-1.2): https://spdx.org/licenses/EUPL-1.2.html. Questa licenza, scritta dalla Commissione europea, è stata scelta in quanto di tipo «copyleft», garantisce massima interoperabilità a livello europeo, ed è anche tradotta in italiano. Sono previste solo alcune eccezioni a questa indicazione generale:

    • se il software viene utilizzato principalmente via rete (es: tramite un browser), utilizzare la licenza «GNU Affero General Public License» versione 3 e successive (codice SPDX: AGPL-3.0-or-later): https://spdx.org/licenses/AGPL-3.0-or-later.html;

      Questa licenza è stata scelta perché, oltre ad essere compatibile con la maggior parte delle licenze Open Source, obbliga chi modifica il codice a rilasciare i miglioramenti anche in caso esso venga utilizzato come parte di un servizio SaaS.

    • se vengono rilasciati componenti software enucleati e con ampio campo applicativo (per esempio, le «librerie software» e gli «SDK»), utilizzare la licenza «BSD 3-Clause» (codice SPDX: BSD-3-Clause) https://spdx.org/licenses/BSD-3-Clause.html;

      Questa licenza è stata scelta per garantire un utilizzo da parte di tutti gli attori quanto più libero possibile, permettendo di realizzare applicativi basati su queste librerie, rilasciabili sotto qualunque licenza. Questo genere di componenti software è utilizzato normalmente per favorire l’interoperabilità con le Pubbliche Amministrazioni, e trovano beneficio nella nascita di ecosistemi che includono applicativi di terze parti, inclusi software proprietari.

  • Per la documentazione tecnica del software, utilizzare la licenza Creative Commons CC-BY 4.0 (codice SPDX: CC-BY-4.0) https://spdx.org/licenses/CC-BY-4.0.html. Questa licenza è stata scelta in quanto permette un riutilizzo semplice della documentazione e degli esempi di codice in essa contenuta.

Si rimanda a Allegato A: Guida alla pubblicazione di software come open source per i dettagli tecnici su come apporre correttamente il testo di una licenza al codice sorgente nel momento della pubblicazione.

Le licenze scelte hanno un vasto utilizzo nell’ecosistema Open Source, dunque si massimizza la possibilità di poter integrare componenti di terze parti rilasciate con licenze compatibili.

L’amministrazione che volesse operare una scelta di licenza diversa da quella qui delineata deve motivarne le ragioni, analizzando la compatibilità tra le licenze adottate e quelle qui proposte, escludendo che la scelta limiti le opportunità di riuso ed assicurandosi che non comporti oneri aggiuntivi per le amministrazioni in fase di riuso.

[1]Stallman, The Free software Definition - https://www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.html
[2]https://www.opensource.org/
[3]https://spdx.org