Aiutaci a costruire il futuro di Docs Italia. Rispondi al questionario per dare il tuo contributo

Docs Italia beta

Documenti pubblici, digitali.

6.3 Gli scenari di migrazione

Ci sono diversi scenari di migrazione dei dati:

  • migrazione verso la medesima versione di sistema di basi di dati
  • migrazione verso una versione più recente del sistema di gestione di basi dati rispetto a quello di origine
  • migrazione verso un nuovo database, in cui il sistema di destinazione è un software di gestione di basi dati diverso da quello di origine
  • cambio di applicativo, in cui i dati devono essere trasferiti ad un diverso applicativo con un diverso schema di dati

La migrazione può essere un processo eseguito una volta sola (one time migration) o in modo incrementale (incremental migration). Il secondo approccio può essere necessario nel caso ci sia la necessità di mantenere pienamente funzionanti sia il sistema sorgente che il sistema destinazione per un periodo di tempo limitato.

6.3.1 Migrazione verso lo stesso sistema di gestione delle basi dati

Nel caso in cui la versione del sistema di gestione della base dati sorgente e destinazione siano il medesimo, è consigliabile utilizzare gli strumenti che il sistema stesso mette a disposizione per la migrazione, come ad esempio lo strumento di dump del database.

Il dump del database sorgente, il suo trasferimento sull’ambiente di destinazione ed il ripristino permettono di completare la migrazione in un’unica volta.

La creazione dello schema del database, la migrazione dei dati e la loro validazione avvengono durante il processo di ripristino.

Utilizzando gli strumenti di backup incrementale del database sorgente, e conseguente ripristino sul database di destinazione, è invece possibile ottenere la migrazione dei dati attraverso un processo incrementale.

6.3.2 Migrazione verso una versione più recente del sistema di gestione delle basi dati

Nel caso in cui la versione del sistema di gestione della base dati di destinazione sia più recente rispetto a quella sorgente, è necessario verificare che vi sia piena compatibilità fra le due versioni in termini di definizione del database prima di procedere alla migrazione vera e propria.

Appurata la compatibilità, è consigliabile utilizzare gli strumenti che il sistema stesso mette a disposizione per la migrazione, come ad esempio lo strumento di dump del database o di backup incrementale come descritto nel sottocapitolo precedente.

6.3.3 Migrazione verso un diverso sistema di gestione delle basi dati

Nel caso in cui si vogliano migrare i dati ad un diverso sistema di gestione delle basi dati, la problematica principale che si deve affrontare è legata alle possibili variazioni nei linguaggi di manipolazione dei dati.

Per gestire la migrazione dei dati è consigliabile utilizzare gli strumenti forniti direttamente dal cloud provider. Se non sono disponibili, si possono utilizzare strumenti di terze parti, anche open source, disponibili sul mercato o servizi che si occupano di fare la migrazione fra un motore di database ed un altro.

La fase di conversione dello schema di dati del sistema sorgente nel formato supportato dal sistema di gestione di basi di dati di destinazione e la creazione dello schema vengono gestite direttamente dallo strumento fornito dal cloud provider o dallo strumento di terze parti. Per la conversione si raccomanda di utilizzare uno degli strumenti disponibili sul mercato, noti come Schema Conversion Tool.

La migrazione incrementale in questo scenario non è raccomandabile in quanto il rischio di corruzione dei dati è molto alto.

6.3.4 Migrazione verso un diverso applicativo

Nel caso in cui si vogliano migrare i dati ad un diverso applicativo si deve tipicamente affrontare un processo di rimappatura delle informazioni dal modello del sistema sorgente al modello del sistema destinazione scrivendo degli script specifici che facciano le trasformazioni necessarie e generino codice che può essere eseguito sul sistema destinazione per caricare i dati modificati.

I principali fornitori di soluzioni SaaS forniscono API per le operazioni di import ed export. In caso non fossero disponibili si suggerisce di verificare la disponibilità sul mercato di strumenti di terze parti.